The Divide

Recensione del libro :”The DIVIDE ” di Jason Hickel autrice Wendy Waters

Tutti dovrebbero leggere questo libro.

Solo acquisendo l’ intelligenza e la speranza che Hyckel offre noi ,come popolo, possiamo sperare di affrontare la schiacciante ondata di sfrenato consumismo che s’accompagna al cambiamento climatico ed alla crescente divisione tra i più poveri e i più ricchi del mondo. Hickel è un professore di antropologia alla London School of Economics ed il suo coraggio in questo libro-verità è sminuito solo dal fatto che egli non è, come dice, il leader di un paese in via di sviluppo. La rete di corruzione che unisce i governi dell’ Occidente è un male quanto meno appiccicoso e i vari tentativi di districarlo da parte di pochi coraggiosi leaders negli ultimi settanta anni hanno portato alla loro prematura scomparsa. Dopo aver letto questo libro sono più che mai convinta che il consumismo sfrenato sia la più grande minaccia alla nostra sopravvivenza. come Hickel indica, se noi continuiamo a produrre ed a consumare a questa scala , esuriremo le risorse ben prima della fine del secolo. E rivolgiamo l’ attenzione ai rifiuti. Già il nostro pianeta geme sotto montagne di discariche e rifiuti tossici. In accordo con questo lamento è il ticchettio della bomba ad orologeria del Cambiamento Climatico.

I nostri stili di vita e la nostra insulsa attenzione alla crescita indefinita del PIL ,ci stanno uccidendo.

In riferimento alla pag.265 del libro di Hickel ” Se l’Antico Egitto avesse cominciato con un metro cubo di patrimonio e l’ avesse aumentato del 4/5 % l’anno ,alla fine dei suoi 3000 anni di storia avrebbe avuto bisogno di 2,5 miliardi di sistemi solari per sistemare tutti i suoi possedimenti. Non ci vuole uno scienziato per capire che la crescita esponenziale indefinita è assurda, nel vero senso della parola. Immaginare che noi possiamo continuare su questo percorso è disconoscere la verità più ovvia. Come eloquentemente si espresse un giorno Sir David Attenborough : ‘ Chiunque creda che possiamo avere una crescita infinita in un pianeta finito, è un pazzo o un economista’. “

Hickel dice anche a pag. 264 ” Oggi quasi tutti i governi al mondo,ricchi o poveri che siano, sono concentrati ossessivamente sull’ unico obiettivo di aumentare la crescita del PIL” .

E’ un quadro orribile. Il nostro mondo è costruito su un insopportabile modello di avidità. Solo un folle può credere che il fatto che le nazioni cerchino di abbattere altre nazioni, in nome di interessi industriali, sia sano ed ancora siamo stati indotti a credere che la guerra sia giustificabile e che accumulare più denaro di quello che possiamo spendere in una vita sia lodevole e che mantenere sotto brevetto importanti farmaci efficaci non sia un crimine contro l’ umanità e che permettere che i nostri vicini soffrano la fame, mente noi gozzovigliamo e distruggiamo risorse sia bello dal momento che poi doniamo i nostri scarsi avanzi facendo la carità.

E’ follia.

Fortunatamente Hickel offre soluzioni praticabili: Resistenza al Debito, Democrazia Globale, Commercio Equo e Solidale, Compensi Giusti e Recupero dei Comuni. Tutto ciò è fattibile se c’è la volontà. E sono propensa a credere che un ulteriore peggioramento del clima rafforzerà la volontà di guarire il pianeta.

Ti imploro di leggere questo libro e di affrontare la verità di fronte al nostro attuale gruppo di leaders ed al sistema bancario marcio fino al midollo che tenacemente trattiene la povertà al suo livello . Di contro ci rincuora come Hickel ci lasci con la speranza che la consapevolezza stia diventando pensiero critico di massa più rapidamente di quanto pensiamo, ad opera in buona parte degli sforzi di Sir David Attemborough e della eccezionale Greta Thunberg .

I miei pensieri personali

L’ immaginazione è una potente forza di miglioramento. Immaginiamo un modo di vivere più solidale con l’ ambiente e più salutare spiritualmente. Il primo passo credo che sia RALLENTARE. Imparate a ritardare la gratificazione.Ciò significa resistere al saziare gli appetiti imposti da una vita frenetica. fermare lo shopping compulsivo, smettere di accumulare, di rimpinzarsi e di cercare una stimolazione esogena costante per alleviare la noia. Iniziate a trovare piacere in una gratificazione ritardata. Fate ad esmpio queste cose: date vita ad un giardino, rinnovate la casa con sistemi ” Fai da te”, coltivate i vostri ortaggi, leggete un libro, camminate, nuotate ,apprendete qualcosa di nuovo, abbiate reali conversazioni, rifiutate i capricci della moda sviluppando un vostro stile personale e facendo abiti da voi o scambiando vestiti con le amiche/amici e sopra ogni altra cosa mettetevi alla prova per raggiungere l’ eccellenza. Rimarrete stupiti di come vi farà star bene raggiungere l’eccellenza. Richiede tempo diventare veramente competenti e questo risultato vi guarirà dalla noia e dal bisogno di continue distrazioni.

Date un significato alla vostra vita. Distinguetevi dalla massa. Aiutate quando potete.Cominciate a conoscere i vostri vicini e scoprite di cosa hanno bisogno. Mettete alla prova la vostra mente e il vostro spirito con relazioni intelligenti con gli altri ,con voi stessi, col vostro lavoro e con il pianeta.

E sostenete le arti.

Le arti sono l’anima e la linfa vitale di una nazione, di una comunità e di una famiglia. Gli artisti sono sempre alla ricerca dell’ eccellenza se sono veri artisti. Se volete comprendere la disciplina ,guardate un danzatore che si allena, un cantante che fa la sue scale, un artista che dipinge le sue tele, uno scrittore che rielabora il suo racconto. E’ raro trovare un artista che non si prende cura della sua arte. In effetti non chiamerei artista una simile persona. Lo chiamerei scribacchino, imbrattatele e così via. I veri artisti sono un esmpio di preparazione di un mondo nuovo – un mondo in cui la eccellenza è la più alta aspirazione e posso assicurare che la produzione di massa è una maledizione per l’ eccellenza. Incoraggiate e sostenete chi produce beni di qualità nella comunità vostra ed evitate le imprese ciniche che producono in massa cibi precotti destinati ad andare a male.

Gran parte della dittatura economica che oggi penalizza il mondo, può essere privata di potere se le persone si sostengono a vicenda in una comunità solidale. In tempi di conflitti e disastri ciò accade ma noi dobbiamo far sì che ciò sia la norma e non l’eccezione. Ci è stato insegnato a competere l’ uno con l’ altro ed a servire imprese rapaci che operano in base ad un pensiero di schiavitù. Se ci mettiamo insieme non saremo così dipendenti da oligarchi senza volto.

Per trovare soluzioni è indispensabile pensare al di fuori della mentalità corrente perché nulla all’ interno di essa può offrire una soluzione.Se continuiamo sull’ attuale percorso di un PIL sempre crescente e di consumismo dilagante, distruggeremo il nostro pianeta e noi stessi. Ci è stato insegnato a dare valore alle cose sbagliate e, come sottolinea Hickel così brillantemente, molto di questo lavaggio del cervello è dovuto alla Pubblicità. E aggiungerei il culto delle celebrità. Le riviste che ci mostrano il ricco, famoso e per inciso bello, come dice Alain de Bouton, sono i portabandiera dei Modelli del Ruolo Sbagliato.

Queste persone stanno per lo più ottenendo poco e guadagnando troppo e non riescono a mostrare alla persona media quale sia la risoluzione spirituale ed il lavoro significativo. Ci sono persone in questo mondo i cui lavori li ricompensano con autostima ed influenza positiva crescente. Sir David Attenborough è uno di questi.Jason Hickel è un altro.

Vi lascerò con un pensiero finale e sono consapevole che potrebbe sembrare troppo semplicistico, ma vi prego di considerarlo: se vi sforzate di fare una differenza positiva, tutti questi problemi – cambiamento climatico, consumismo sfrenato, indifferenza globale e divisioni apparentemente insuperabili tra ricchi e poveri – saranno risolti.

Il nuovo mondo comincia da voi.

Sii te stesso; tutti gli altri personaggi hanno già un interprete.

— Oscar Wilde.

Questo è il primo articolo sul mio nuovo blog. Ho appena iniziato a mandare avanti questo nuovo blog, quindi resta sintonizzato per altre informazioni. Abbonati qui sotto per ricevere una notifica quando pubblico nuovi aggiornamenti.

2 pensieri riguardo “The Divide

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: